sabato 13 giugno 2015

“Il paradiso degli orchi” di Nicolas Bary: il surreale mondo di Benjamin Malaussène.


Benjamin Malaussène ( Raphaël Personnaz ) è un giovane uomo sulla trentina che, pur di riuscire a mantenere la sua numerosa famiglia, composta da fratelli e sorelle che hanno  in comune solamente la madre, ha accettato di svolgere un lavoro alquanto ingrato.
In effetti, è stato assunto da un grande centro commerciale di Parigi in qualità di “capro espiatorio”; più precisamente, ogniqualvolta un cliente insoddisfatto della qualità di un articolo da lui stesso acquistato minaccia di fare causa al magazzino, Benjamin è costretto a sorbirsi tutte le sue rimostranze, cercando allo stesso tempo di impietosirlo a tal punto da farlo desistere dal suo intento.
La colorata e gioiosa atmosfera del centro commerciale viene però improvvisamente compromessa da una serie di strane esplosioni verificatesi al suo interno; e poiché  a Benjamin capita sempre di trovarsi nel punto preciso in cui si verifica ognuno di quegli incidenti, tutti i sospetti finiscono ben presto per concentrarsi su di lui.
Con l’aiuto di un’avvenente giornalista, da lui scherzosamente ribattezzata “Zia Julia” ( Bérénice Béjo ) e dell’ombroso guardiano del magazzino ( Emir Kustorica ), Benjamin riuscirà comunque a provare la propria innocenza, nonché a far finalmente luce su di una drammatica serie di sparizioni di minori, avvenuta molti anni prima all’interno di quello stesso magazzino…


A quasi trent’anni dall’uscita del primo romanzo della fortunata saga di Daniel Pennac, nel 2013 Nicolas Bary portò finalmente sullo schermo il personaggio di Benjamin Malaussène.
“Il paradiso degli orchi”, che si avvale di una fotografia estremamente colorata, e di effetti speciali decisamente riusciti, presenta tutti gli elementi della commedia giallo-rosa che, anche se solo velatamente, mascherano tutta la drammaticità di ciò che le mura ( e non solo ) di quel magazzino, da sempre grande attrazione anche per i più piccoli, hanno vigliaccamente tenuto nascosto per troppi anni.
Il regista, nella trasposizione cinematografica dell’opera di Pennac, ha volutamente stemperato la componente thriller e poliziesca, che contraddistingue invece il romanzo, per concentrarsi maggiormente sui risvolti umoristici del personaggio di Benjamin e della vicenda nella quale suo malgrado si ritrova coinvolto, facendo assumere allo stesso tempo alla sua pellicola i tratti caratteristici del fumetto.
Interpreti principali de “Il paradiso degli orchi” sono il divertente Raphaël Personnaz, perfettamente calato nel suo personaggio, nonché la bravissima e bellissima Bérénice Bejo ( già ampiamente apprezzata  dal pubblico internazionale a fianco del premio Oscar Jean Dujardin in “The Artist“ ); ma il film di Bary si avvale anche della straordinaria partecipazione del poliedrico Emir Kustorica e della grandissima Isabelle Huppert; tra l’altro, il divertente cameo in cui quest’ultima appare, riesce nel suo piccolo a riassumere tutta l’essenza del surreale mondo di Benjamin Malaussène.


Titolo: Il paradiso degli orchi ( Au bonheur des ogres )
Regia: Nicolas Bary
Interpreti: Raphaël Personnaz, Bérénice Bejo, Emir Kustorica,
Nazionalità: Francia
Anno: 2013



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...