mercoledì 30 dicembre 2015

“Barbecue” di Eric Lavaine: una caustica riflessione sull’inesorabile scorrere del tempo e sul reale valore dell’amicizia.


E’ indubbiamente una vita di successo, quella che con gli anni Antoine ( Lambert Wilson ) è riuscito a costruirsi; in effetti ha una bella moglie ( alla quale però non sempre è fedele ), un figlio, un’ottima professione e, soprattutto, un affiatato gruppo di amici.
Grande appassionato di sport, nonostante abbia sempre seguito una stile di vita alquanto salutare, alla soglia dei 50 anni l’uomo viene colpito da infarto, dal quale riesce però fortunatamente a riprendersi.
A seguito di quell’evento, pensa quindi di rivoluzionare completamente la propria esistenza, concedendosi quei piaceri ( soprattutto a tavola ) che fino ad allora si era rigorosamente negato.
Inoltre, nel tentativo di mettere in pratica i suoi nuovi propositi, decide di iniziare a farlo proprio durante il periodo di vacanza che sta per trascorrere insieme ai suoi amici nel sud della Francia; le sue nuove idee, però, rischieranno di guastare irrimediabilmente il loro ormai consolidato rapporto…


Rifacendosi al genere della commedia corale, che tanto successo ha avuto anche in Francia in tempi recenti – basti ricordare il campione di incassi “Piccole bugie tra amici” diretto dal talentuoso Guillaume Canet – Eric Lavaine ha realizzato una gradevole pellicola, che si risolve in una caustica riflessione sull’inesorabile scorrere del tempo e sul reale valore dell’amicizia.
Girato tra Lione e gli scenari mozzafiato delle montagne del Cévennes, “Barbecue” mette in scena la crisi che un uomo di mezz’età si ritrova ad affrontare, e che finisce inevitabilmente per coinvolgere anche i suoi amici storici i quali, nel bene e nel male, sebbene per motivi differenti, vedono in lui un importante punto di riferimento.
Ad affiancare un Lambert Wilson particolarmente brillante e decisamente a suo agio nel ruolo del carismatico Antoine, troviamo il simpatico Guillaume De Tonquedec – già molto apprezzato anche dal pubblico italiano nella commedia “Cena tra amici” – e il sempre divertente Franck Dubosc.
Il barbecue a cui fa riferimento il titolo del film, non è altro che il pretesto che questo variegato gruppo di persone, appartenenti per la maggior parte all’alta borghesia francese, ha di ritrovarsi intorno a un tavolo, non solo per scherzare o trattare argomenti seri, bensì anche per affrontarsi in modo alquanto feroce, finendo poi comunque per fare la pace, come solamente i veri amici sanno fare.


Titolo: Barbecue ( Barbecue )
Regia: Eric Lavaine
Interpreti: Lambert Wilson, Franck Dubosc, Florence Foresti, Guillaume De Tonquedec
Nazionalità: Francia
Anno: 2014


sabato 12 dicembre 2015

“Trivial – Scomparsa a Deauville” di Sophie Marceau: un thriller che per atmosfere e struttura narrativa rimanda con la mente alle indimenticabili pellicole di Alfred Hitchcock.


L’agente di polizia Jacques Renard ( Christopher Lambert ) non si è ancora ripreso dalla prematura scomparsa della moglie.
Un giorno, nella sua auto, trova ad attenderlo una donna ( Sophie Marceau ) che  sembra uscita dal passato, e che lo esorta a recarsi presso la camera 401 dell’Hotel Normandie, a Deauville; sebbene inizialmente riluttante, l’uomo acconsente a fare quanto gli è stato richiesto.
Giunto sul posto, viene a sapere che il suo dipartimento sta indagando sulla scomparsa del proprietario dell’albergo – il signor Bérangère ( Robert Hossein ) – avvenuta solamente 48 ore prima.
Intrufolatosi comunque nella camera 401, scopre che la stanza è stata adibita dal signor Bérangère ad una sorta di museo in onore di Victoria Benutti, un’affascinante attrice del passato, morta in circostanze misteriose alla fine degli anni sessanta, con la quale l’uomo aveva avuto una relazione e un figlio – Camille ( Nicolas Briançon ) – che adesso ha assunto la gestione dell’hotel.
Contravvenendo agli ordini impostigli dai suoi superiori, che non lo ritengono ancora idoneo a tornare in servizio, Jacques inizia la sua indagine personale; in un crescendo di colpi di scena, riuscirà così a fare finalmente luce sull’inquietante mistero che da ormai troppo tempo avvolge le vite dei singoli componenti della famiglia Bérangère…


Alla sua terza esperienza dietro la macchina da presa, con “Trivial – Scomparsa a Deauville”, Sophie Marceau ha realizzato un intrigante thriller dal ritmo decisamente incalzante, che per atmosfere e struttura narrativa rimanda con la mente alle indimenticabili pellicole del maestro della suspense Alfred Hitchcock.
Le spiagge ventose e le suggestive scogliere del nord della Francia fanno da sfondo ad una storia sospesa tra passato e presente, il cui enigma viene sapientemente alimentato da un continuo gioco di specchi realizzato tramite l’utilizzo di eleganti flashback.
A tenere alta la tensione della vicenda contribuisce poi un Christopher  Lambert semplicemente perfetto nella parte del tormentato e adrenalinico poliziotto Jacques, magnificamente supportato dalla sempre incantevole, nonché bravissima, Sophie Marceau.
Indiscutibilmente, il personaggio da lei interpretato trasuda fascino e mistero in abbondanza; ma soprattutto, fin dalle prime scene intriga inesorabilmente lo spettatore.


Titolo: Trivial - Scomparsa a Deauville ( La disparue de Deauville )
Regia: Sophie Marceau
Interpreti: Sophie Marceau, Christopher Lambert, Nicolas Briançon, Robert Hossein
Nazionalità: Francia
Anno: 2007


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...